Condividi

Edda

Accadeva il 30 marzo 2012 alle ore 22:00

Edda

Stefano “Edda” Rampoldi, ex cantante dei grandi Ritmo Tribale, presenta il nuovo album”Odio i vivi”, secondo disco in uscita per l’etichetta Niegazowana. Apertura con i Les Enfants.

“Se muoio rinasco
Se rinasco mi tocca vivere
Se vivo prima o poi mi ammalo
Di sicuro invecchio
Per questo ODIO I VIVI, perché muoiono”
(Edda)

Assolutamente unico nel panorama musicale italiano, Stefano “Edda” Rampoldi, ex cantante dei grandi Ritmo Tribale, ritorna con un nuovo capolavoro: “ODIO I VIVI”, secondo disco in uscita per l’etichetta Niegazowana (distr. Venus). Edda, dopo un lungo periodo di assenza dalla scena musicale, è riapparso, nel 2009 con il progetto solista “Semper Biot”, un album oltre le mode e gli stili, scritto a quattro mani con l’autore e musicista Walter Somà.

Un disco che oscilla tra tematiche di redenzione ed oscurità, in continua ambivalenza e definito dalla critica uno dei dischi più belli e toccanti di questo ultimo decennio, nella musica italiana. Nel 2010, esce “In Orbita”, EP registrato da una live session a Radio Capodistria, nel programma In Orbita di Ricky Russo ed Elisa Russo.
Da gennaio 2011 nascono altri pezzi, che lentamente vanno a formare “ODIO I VIVI” . Il titolo ODIO I VIVI forse racchiude un senso d’amore per la vita. “Odio i vivi, ho i miei motivi, ma me li tengo per me” canta Edda.
Edda è poeta visionario e reale. Spirituale e naif, ma altrettanto terreno e carnale, mette a nudo la sua anima con linguaggio crudo e diretto, spesso impenetrabile se non fuorviante. Si esprime con frasi a metà, spesso lasciate
cadere senza alcun significato apparente, in una sorta di rabdomanzia semantica. Immagini subliminali che puntano dritte all’inconscio e allo stomaco.

ODIO I VIVI è il secondo album nato dalla collaborazione tra Edda e Walter Somà che ha scritto parte delle canzoni.
Le scritture dei due autori (amici e compagni d’avventura), si fondono, come era già successo in Semper Biot, generando una forma canzone sempre spiazzante e difficilmente catalogabile, sia nelle liriche che nella musica.
Alla produzione artistica di Taketo Gohara si devono invece le raffinate sonorità date dalla mescolanza di tradizione e innovazione con l’uso di strumenti elettrici e acustici, moderni e classici. Il tutto impreziosito dagli
arrangiamenti orchestrali di Stefano Nanni. La registrazione di ODIO I VIVI è avvenuta in maniera “itinerante”, snodandosi tra il Noise Factory, dove è stato registrato da Taketo Gohara e Stefania Bonomini, il Perpetuum Mobile Studio, ma anche a casa di Otto, nel garage di Josè, nello studio di Cesare, nella stanza di Francesco, da Daniele Barbato presso Funtana Buddìa Recording
studio.

Tags: , ,

Un commento

  1. jacopo scrive:

    Oltre alla tessera l’entrata e’ gratis?

Tutte le partite di campionato e coppe
su maxischermo!
NEWS TAG SOCIAL